Gli imballaggi per alimenti svolgono un ruolo fondamentale nella conservazione degli alimenti e nella tutela dei consumatori. Per garantire che gli imballaggi siano idonei a preservare gli alimenti, le aziende sono tenute a rispettare una serie di norme valide sia nel nostro Paese che nell’Unione Europea.

Vista la complessità di tale impianto normativo i produttori sono soliti rivolgersi a professionisti qualificati, come l’azienda imballaggi alimentari Volmar. Oggi, a tale proposito, illustreremo quali sono le principali normative per la conservazione degli alimenti e i criteri da rispettare per mantenere i prodotti in buono stato dal trasporto al consumo finale.

Normative di riferimento per gli imballaggi per alimenti

Gli imballaggi per alimenti rientrano nella categoria dei MOCA (Materiali e Oggetti a Contatto con gli Alimenti). Essa comprende tutti i materiali e i prodotti utilizzati per imballare, conservare, trasportare o consumare gli alimenti. Per garantire la sicurezza dei consumatori e la conformità dei prodotti, gli imballaggi per alimenti devono essere fabbricati nel rispetto di standard e normative specifiche.

Il Regolamento (CE) n. 1935/2004 dell’Unione Europea stabilisce i requisiti generali a cui devono sottostare tutti i materiali destinati al contatto con gli alimenti; esso mira a garantire che i materiali utilizzati negli imballaggi non siano pericolosi per la salute dei consumatori e non alterino la composizione o le caratteristiche degli alimenti.

La normativa è vigente in ogni Paese membro dell’Unione Europea e si integra anche con le disposizioni nazionali che, talvolta, possono variare di Stato in Stato.

Requisiti e certificazioni del packaging di prodotti alimentari

La sicurezza e la conformità dei materiali e degli oggetti a contatto con gli alimenti sono requisiti obbligatori per la commercializzazione. Le norme sul packaging e sull’imballaggio, quindi, interessano tutti i produttori alimentari, i quali sono tenuti a rispettare una serie di rigorosi standard qualitativi per ottenere le certificazioni di conformità.

In particolare la normativa stabilisce che i materiali e gli oggetti destinati al contatto con gli alimenti devono essere prodotti conformemente alle buone pratiche di fabbricazione e non devono trasferire sostanze estranee o pericolose agli alimenti.

La fabbricazione dei MOCA è disciplinata dal Regolamento (CE) n. 2023/2006, che impone pratiche e requisiti di sicurezza a cui i produttori devono attenersi. Questi requisiti includono l’uso di materiali di partenza idonei, l’utilizzo di sedi e personale adeguati e l’implementazione di sistemi di controllo della qualità efficaci e documentati.

Informazioni ai consumatori: quali devono essere riportate sul packaging?

Le normative richiedono anche che, sul packaging di alimenti di varia natura, siano riportate le informazioni essenziali su produzione, consumo e smaltimento. Nello specifico queste informazioni includono la denominazione del prodotto, l’elenco degli ingredienti, le informazioni sull’origine del prodotto, la data di scadenza o il termine di conservazione, le modalità di conservazione e le istruzioni per l’uso, se necessarie. Queste informazioni consentono ai consumatori di fare scelte informate, di utilizzare con coscienza i prodotti alimentari e, infine, smaltire correttamente gli imballaggi o le confezioni.

La conformità alle normative in materia di packaging alimentare riguardano anche le modalità di imballaggio e trasporto dei prodotti. In pratica durante il trasporto gli alimenti devono essere protetti adeguatamente per garantire la loro integrità e, quindi, confezionati in modo da evitare contaminazioni e danni per la salute dei consumatori.

Per le aziende questi criteri costituiscono una sfida molto importante in termini di sostenibilità, soprattutto in questi ultimi anni. Se da un lato sono obbligatori imballaggi protettivi e sicuri nel garantire l’integrità dei prodotti, dall’altro le aziende sono tenute a rispettare l’ambiente proponendo prodotti che non comportino ostacoli nel riciclo e che spingano i consumatori ad adottare comportamenti più sostenibili.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!